2

X6500TP Riparazione

X6500TP

Salve a tutti. Passato più di un anno dall ultima pubblicazione, complice un malfunzionamento di questo Forum (probabilmente ancora in essere). Spero che funzioni tutto e non nascondo una certa emozione, soprattutto ripercorrendo con la mente i primi tempi, dove tutto cominciò. La passione è ancora immutata e le macchine nel frattempo sono aumentate. Essendo sempre più o meno le stesse, inutile forse fare nuovi articoli. Tuttavia mi piace ricominciare con un modello di punta delle Grundig. Questa macchina spaventa chiunque ed anche il sottoscritto. Avendone fatte altre (forse ci sono gli articoli anche qui) mi sono fatto coraggio……..come risalire in moto (speriamo presto) ed una volta sopra, dai gas e parti “in automatico”.

0

Grundig Studio 2000 “Black” 2020

Sullo studio 2000 di articoli ne abbiamo già fatti, ma per dare aggiornamenti e per parlare di guasti nuovi, approfitto qui per dare una ripassata a tutte le azioni necessarie che si devono prestare a questi gioielli.

Poi lasciatemi dire… è sempre un enorme piacere.

0

CN1000 Her Majesty

CN1000

in vena di celebrazioni, non poteva mancare sua maestà CN1000. Ho fatto già articoli in tal senso, ma mi piace rimarcare a distanza di tempo le prestazioni di questa macchina…. secondo me non abbastanza apprezzata…..

Nei primi anni ’70 le serie CN710 720 730…. dai costi esorbitanti ci hanno fatto sognare….

Tuttavia da nessuna parte ho trovato però il prezzo di questa macchina…Devo dire che la Grundig qui si è superata.

Malgrado non abbia 3 testine come le successive CF5500 5500/2 … vi assicuro che questa piastra si apprezza “alla lunga”, ovvero vi accorgerete, se avrete la fortuna di ascoltarla, che non vi stancherà il suono anche dopo ore di ascolto continuo.

0

Grundig RPC 500 (Dual 1239 CN830)

RPC 500

Ennesimo articolo su questa macchina che io amo particolarmente. Forse è il 5° o 6° ma stavolta vorrei focalizzare il discorso per il quale si possono certamente fare “affari” in rete, ma poi cosa comporta veramente rimettere a nuovo queste macchine che nel ’78 costavano “appena” 850. 000 lire