1

Jico SAS: della serie “a volte ritornano” (più economici di prima)

 

 

Grande notizia dal Giappone: i “normali” stilo Jico SAS con cantilever in boro e stilo a profilo “Microline” sono tornati a listino per vari modelli di testine Shure vintage (comunque tutte quelle montate in origine sui giradischi Dual utilizzati da Grundig) e non solo, ad un prezzo inferiore all’ultimo prezzo prima del loro ritiro dal listino due anni fa. Ora costano 123 dollari contro i 131 di allora.

Continue Reading

6

Sostituzione lampadine receiver serie larga

Un ringraziamento sentito al mio receiver numero 3, quello da cui attingo per i pezzi di ricambio. Non si presenterà al meglio, ma si presta egregiamente allo scopo documentativo, senza dover scollegare e smontare i receiver regolarmente funzionanti.

Il problema delle lampadine bruciate è assolutamente all’ordine del giorno. Facilissimo lo siano in parte o totalmente al momento dell’acquisto, ma se non lo fossero, prima o poi credetem, si spegneranno.

L’articolo è  rivolto a tutti i receiver serie larga ed apparecchi costruttivamente analoghi, come alcuni preceiver del periodo. Vedi preceiver x55, che nonostante l’evoluzione digitale che diventerà totale nel 1979 con l’x6500TP, conserva ancora un Vmeter a lancetta, sostituendo solo quello della frequenza con un display. Continue Reading

0

Dual in Grundig Zarge: quali e come adattarli a riprodurre i 78 giri

Dual 1229 mentre riproduce un 78 giri

Uno fra i tanti aspetti che possono far propendere la scelta per i giradischi Dual in Grundig Zarge, da parte di alcuni appassionati può essere la loro capacità di riprodurre anche i 78 giri.

Certo può sembrare anacronistico oggi andare alla ricerca dei 78 giri, tuttavia se si vuole ascoltare la musica incisa fra il 1935 ed il 1955 circa, con il supporto originale, l’unico modo per farlo è per prima cosa trovare un giradischi che sia in grado di riprodurli.

Anche la ricerca dei supporti originali oggi è enormemente facilitato dal proliferare di mercatini locali specializzati e non, ma soprattutto dall’esistenza di grandi shop online, sia qui in Europa che negli Stati Uniti.

Io personalmente se andassi alla ricerca di incisioni d’epoca andrei alla ricerca di quelle avvenute con il metodo elettrico (dopo il 1930); per quelle incisioni dirette pre-1930, penso proprio che il miglior modo di ascoltarle sia quello di ricorrere ad un fonografo con tanto di altoparlante incorporato che era il mezzo studiato per la migliore riproduzione di quel tipo di incisione.

Continue Reading

9

Tante belle cose

apertura

A digiuno di conoscenze adeguate per redarre articoli di interesse tecnico, continuo a dare contributi di altra natura, della serie l’importante è partecipare. Appartengo come avrà capito chi mi conosce un minimo, al nutrito gruppo di chi s’è avvicinato a questa passione seguendo il richiamo di qualcosa che va oltre la semplice ricerca del buon suono e delle finezze elettroniche. Dietro a questo mondo di valvole, transistor e diffusori esiste a mio avviso qualcosa di più profondo e contagioso, forse non per tutti, ma sicuramente per me e i tanti in cui mi riconosco.

Dopo un resoconto del nostro primo meeting di Pomposa , due articoli di restauro per principianti che ci provano Music boy 200  e Geloso G255 ed uno riferito alla serie dei diffusori audioprisma  da tempo ho in cantiere qualcosa di completamente diverso. Continue Reading