Testine Acutex e giradischi Dual

Home Forum Grundig Giradischi (Sorgenti Analogiche) Testine Acutex e giradischi Dual

Questo argomento contiene 18 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da luca visentini luca visentini 2 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 19 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #8591
    Supercolor
    Supercolor
    Amministratore del forum

    Avrei voluto scrivere un articolo riguardo le testine Acutex, ma fino ad ora non è stato possibile perchè ne ho acquistata una, Roberto ne ha acquistate due basandosi su quanto era scritto nei forum anglosassoni che gli ho riferito io di persona, tuttavia l’unico che ha avuto modo di ascoltarla in modo compiuto (per qualche ora) è stato Emilio di Audio Oasis cui Roberto aveva spedito la prima da lui acquistata, mentre faceva test di ascolto prima di consegnare il 1219 di Tonino. Non mi è sembrato serio fare un articolo decantando le qualità di una testina, basandomi sicuramente su decine e decine di testimonianze altrui, ma senza averla ascoltata personalmente.
    Posso solo dirvi che sono arrivato alla testina montata sul 1219 di Tonino, una Acutex 412 STR per la precisione, grazie ad una segnalazione di ebay Germania, mentre facevo le mie consuete ricerche sulle Shure rimarcate da Dual. C’era un tedesco che la vendeva a 70 euro decantando il fatto che era NOS inusata. MI aveva incuriosito il fatto che nelle foto aveva una confezione lussuosa, tipica da MM top di gamma o da MC di alto costo. Fatta ricerca veloce su ebay è emerso che in Italia un tizio la vendeva NUOVA a 49 euro in offerta speciale al 50% del suo prezzo normale (98 euro) precisando che ne aveva parecchie a disposizione. Preciso subito che questa inserzione è ancora attiva ora mentre scrivo, sempre a 49 euro (si legge ultimi pezzi rimasti), che la Acutex la vendeva al prezzo della V15 III nei primi anni ’80 e che la Acutex chiuse i battenti nell’ormai lontano 1991.
    Ho cominciato a fare ricerche sul web ed ho scoperto che questa 412 monta uno stilo con taglio Shibata modificato e che avrebbe un motore brevettato a tre poli (invece dei consueti due) che permette di eliminare tutte le interferenze interne fra il canale sinistro e destro. IL risultato sarebbe una separaziuone dei canali mai vista prima: 30 db ad 1KHz (le Shure si fermano a 25db) valore comunque dichiarato anche oggi da MC dal costo da 800 euro in su, ma addirittura stratosferico quando misurato a 10 khz: 27 db contro i 15 delle top Shure ed i 20 -25 db che ho visto in tutte le altre testine di costo anche esso stratosferico che mi sia capitato di osservare. Questo parametro dovrebbe dirci qualcosa sulla capacità di ricreare un palcoscenico ben delineato in tutte le sue caratteristiche.
    A questo punto dopo aver letto commenti entusiastici in varie discussioni su Lencoheaven.com, Audiokarma.com e Vynilengine.com ho deciso di comprarla ad “orecchie chiuse” (Tutti gli utenti le avevano comprate qui in Italia!). Roberto anche lui si è fatto trascinare, l’ha spedita ad Emilio di Audio Oasis: quest’ultimo l’ha testata, e dopo le sue impressioni Roberto ne ha comprato una seconda. Idem credo ha fatto Tonino (nel senso che ne ha comprate due anche lui).
    A questo punto vi riferisco le impressioni di Emilio:
    ” Ti avevo promesso qualche scatto sulla macchina con il tuo pickup montato e ora ti accontento.
    Sono rimasto veramente sconcertato dalle performances di questa testina. Stasera il confronto con la V15III stilata Pfeiffer, è stato quasi impietoso … La capacità di introspezione, il senso del ritmo e l’intellegibilità del messaggio riproposto dalla ACUTEX sono veramente incredibili !
    Due parole sulla catena usata per il test:
    Dual 1219 by Audio Oasi con cavi di connessione autocostruiti
    Pick up ACUTEX 412 STR – SHURE V15III – SHURE M97XE orig – SHURE M95ED stilo non orig.
    Ampli integrato PIONEER SA9500
    Diffusori KEF 105.2″
    Due note personali:
    1) da notare che comunque il confronto è stato fatto con una V15 III° con stilo non originale, tuttavia in una discussione su forum internazionale, questa testina viene equiparata ad una SASsy Shure, ovvero in quel caso una M95ED con stilo Jico SAS.
    2) E’ stata ascoltata con un carico di capacitanza totale che sicuramente non superava i 200 pf, ma non ho trovato in nessuna parte del web alcuna indicazione, sia da parte della casa, che di utenti che la usano, sulla ideale capacitanza di carico di questa testina che fu prodotta probabilmente dal 1980 al 1985 o giù di lì.
    Qui potete trovare catalogo in inglese (che si riferisce però alla serie precedente 3xx e manuale di istruzioni sempre in inglese della serie 4xx), ricordate che se non siete registrati non riuscirete ad aprire i pdf).

    http://www.vinylengine.com/library/acutex.shtml

    Non ci sono attualmente stilo di ricambio della Jico o di altre marche per questa testina, tuttavia quello di serie ha una vita utile di ben 500 ore.
    Un unica avvertenza: non comprerei questa testina per usarla sui Dual montati nei compatti Grundig: qui l’equilibrio è studiato perfettamente per le testine con capacitanza raccomandata intorno ai 400 pf (vedere la prima puntata di “Dual in Grundig zarge + SASsy Shure”) ed io dubito che questa testina avesse tale carico raccomandato, probabilmente, come già detto, era più basso.
    Io dovrei poterla ascoltare Sabato mattina sul mio Grundig – Dual 1219 quando lo andrò a ritirare da Emilio dopo le dovute lubrificazioni ed ingrassaggi: solo dopo cercherò di dare un quadro più completo, nel senso che la proveremo su due giradischi, uno che le farà sentire circa 400 pf e l’altro circa 250 pf: in questo modo vedremo se è molto o poco sensibile a questo valore. In caso lo sia vi dirò con quale dei due va meglio.
    Posso solo dire di averla comprata per la curiosità di avere una testina top al prezzo di due stilo standard ellittici di ricambio non originali per le Shure M91, M95 e via discorrendo; quando sarà esaurito lo stilo, fra qualche anno, spero di aver messo da parte i soldi per lo stilo Jico SAS da montare sulle Shure che posseggo (una DM103 ME – M91ED ed una D105ED – M95ED) per sostituirla degnamente senza il rimpianto di non averne comprate 2 o 3.

    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 3 mesi fa da Supercolor Supercolor.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 2 mesi fa da Supercolor Supercolor.
    • Questo argomento è stato modificato 3 anni, 2 mesi fa da Roberto Roberto.
    #8595
    Roberto
    Roberto
    Amministratore del forum

    acutex 412 str_
    acutex 412 str
    le specifiche sono eccellenti. durata fino a 1000 ore – dichiarate dalla casa produttrice

    #8599
    Stefano
    Stefano
    Partecipante

    Il livello di uscita è un po’ bassino (3,5 mV a 1khz), con alcuni amplificatori poco potenti (e magari anche poco sensibili sull’entrata phono) questo potrebbe essere un problema.
    Noi siamo abituati alle Shure, che hanno solitamente un’uscita di 5 o 5,5 mV.
    La differenza, in termini di ascolto, non è poca, specialmente per chi usa abitualmente il loudness.
    Comunque, anch’io sarei curioso di sentirla.:-)

    #8909

    maxrom
    Partecipante

    Ho preso la testina Acutex incuriosito: per ora non sono soddisfatto, anche se il suono non è male, esalta troppo le sibilanti, in maniera intollerabile. Forse la mia è difettosa o ha bisogno di rodaggio. Ho provato ad aumentare il peso di lettura, e il difetto diminuisce ma rimettendo la shure ora il disco salta in un punto. Comunque la dolcezza delle vecchie shure è un’altra cosa. Ah, l’ho provata col dual 1229.

    #8910
    Roberto
    Roberto
    Amministratore del forum

    Con quale amplificatore e quali diffusori hai testato ?

    #8913
    Supercolor
    Supercolor
    Amministratore del forum

    Ciao Maxrom, puoi precisarmi quanto è lungo il cavo di segnale del tuo 1229 ed a quale peso stai facendo leggere la testina? Si consiglia non meno di 1,8 gr, la casa dice che si può arrivare fino a 2,1 gr (il dato iniziale di 1,3 gr. è parso a tutti irrealistico).
    Nella rete si parla di un palcoscenico molto ampio e di un suono con molti dettagli, puoi dirci qualcosa a proposito? Purtroppo per impegni personali di Emilio, non ho ancora potuto fare le prove di ascolto a casa sua cui accennavo più sopra, quindi a maggior ragione sono molto interessato alle tue esperienze di ascolto.

    #8915
    Supercolor
    Supercolor
    Amministratore del forum

    Ciao Maxrom, un aggiornamento: in un thread che qui ti segnalo,
    http://www.audiokarma.org/forums/archive/index.php/t-419574.html
    si ripete una cosa risaputa con testine aventi stilo “esotici”, ovvero devono essere montate con un allineamento perfetto. Spero che tu abbia la dima della Dual o di terze parti per farlo nel modo migliore. Nella discussione sopra riportata c’è un utente che riferisce che dopo aver rifatto l’allineamento con maggiore precisione il suono è andato a posto, mentre prima era duro con troppe sibilanti come hai riscontrato tu.
    La discussione parte dalla Acutex 312 ma negli ultimi interventi di qualche giorno fa si viene a parlare della 412 e c’è un interessante consiglio che riporto nell’italiano di Google translator (è nell’ultimo intervento dell’utente Boreas);
    “Come un suggerimento che ho letto da un altro sito, si può provare ad aggiungere un po ‘di plastilina o stucco tra l’impugnatura stilo e il corpo della cartuccia per smorzare la risonanza e mantenere la presa stilo stretto contro il corpo della cartuccia. Solo un po ‘, non troppo. Alcuni hanno anche consigliato di rimuovere la protezione stilo in caso che causa anche risonanze indesiderate.

    Io uso BluTack su tutti i miei LPMS. Sembra che il 412, o almeno la mia 412, ha una vestibilità molto più flessibile tra stilo e la cartuccia di altri miei 5 LPMS. Non ho mai pensato di rimuovere la protezione dello stilo”
    Altri in effetti hanno rimosso il parastilo con risultati positivi; spero che questi consigli dal mondo anglosassone possano esserti di aiuto.
    Voglio solo aggiungere che anche in questa discussione, come in altre si dice che sia la 312 che la 412 estraggono moltissime informazioni dai microsolchi e danno una rappresentazione del palcoscenico più precisa di tantissime altre testine molto più costose. Spero di riscontrare di persona queste impressioni “internazionali”

    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 2 mesi fa da Supercolor Supercolor.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 2 mesi fa da Supercolor Supercolor.
    #8926

    maxrom
    Partecipante

    Ho il 1229 in Grundig zarge e il cavo è lungo, non so quanto ma vi farò sapere. Ho allineato la testina con la dima Dual e all’inizio ho messo un peso di 1.5 grammi. Preamplificatore sxv 6000+aktiv30. In effetti aumentando il peso a due grammi le sibilanti diminuiscono. Però sono ancora fastidiose. Stasera provo con l’sv 2000 e le prof 2500 per vedere se le cose migliorano. Mi preoccupa un po’ l’integrità dei dischi visto che dopo il passaggio con la acutex a 2 grammi la shure saltava in un punto del disco.

    #8929
    Stefano
    Stefano
    Partecipante

    Ciao max, a mio parere non può essere certo colpa della Acutex a 2 grammi se il tuo disco ora salta in un punto.
    Ricordiamoci – contrariamente a quello che dicono i soloni che profetizzano gli 0,75g, quelli sì che finiranno per rovinare i loro dischi – che fa molti più danni una puntina che lavora a mezzo grammo in meno che una che lavora a mezzo grammo in più.
    Io – tra le altre – faccio lavorare regolarmente una Dual DMS220 al suo peso corretto di 2,5 grammi e non solo suona e traccia benissimo, ma i miei dischi rimangono sempre perfetti.
    Controlla bene sotto una luce potente (e magari con l’aiuto di una lente) il punto dove si verifica il salto: se non ci sono danni al vinile, potrebbe esserci un “cazzillo” nel solco, che però con un buon lavaggio solitamente viene via.
    Questo problema è più frequente di quanto si pensi: minuscoli frammenti di polvere, a volte nemmeno visibili ad occhio nudo, quando la puntina ci passa sopra finiscono per rimanere incastrati all’interno del solco, e non basta la spazzolina antipolvere per rimuoverli.
    Quando compro dischi usati (che costituiscono il 99% dei miei acquisti musicali), un passaggio con la Knosti e un detergente “fatto in casa” è pressochè obbligatorio.
    Per quanto riguarda le sibilanti, mi viene da pensare che sia un problema di cattivo tracciamento (ma lo fa con qualsiasi disco?).
    Se l’aumento del peso di lettura non risolve non saprei proprio cosa dirti, anche perchè non conosco quella testina.
    Fai ancora le prove che hai detto, poi facci sapere.

    #8930
    Stefano
    Stefano
    Partecipante

    Dimenticavo una cosa importante: prima di installare una testina, sarebbe il caso di controllare – tra le altre cose – anche se il suo peso (intendo il peso della testina, non quello di lettura) sia correttamente gestibile da parte del braccio.
    Io non ho i dati del 1229, ma ho quelli del 1249, che uso come esempio:
    Il 1249 accetta testine aventi un peso che va da 5,5 a 10 grammi. In questo caso, non sarebbe una buona idea montargli questa Acutex, che pesa solo 4 grammi, almeno non senza aggiungere della “zavorra”.
    Questo è un dato molto importante per una corretta tracciatura; in gioventù, quando lavoravo in un negozio di stereofonia (e montavo decine e decine di testine, perchè quasi tutti i giradischi venivano venduti senza testina, ed anche in quelli che già l’avevano il cliente optava spesso per una testina migliore) avevo a disposizione degli interi set di pesi da inserire tra lo shell e la testina.
    Quanto sopra, a maggior ragione, se si ha a che fare con una puntina a taglio Shibata, che per la sua stessa conformazione esige settaggio ed allineamento perfetti.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 19 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

One Comment